Facebook trends: more pics, more vids, less links.

Con tutto il bailamme di immagini che si trovano in rete e spopolano sui social, ci si aspetterebbe che il principale trend su Facebook sia la pubblicazione di immagini. Pare non sia così.

Seppur vero che le immagini sono il contenuto che su Facebook genera il maggior numero di reazioni e interazioni verrebbe da dire che le aziende che hanno una fan page ne facciano un massiccio utilizzo. Invece no.

A quanto pare abbiamo la pessima abitudine di pubblicare sulle nostre fan page perlopiù link , preferiti a video ed immagini. Dico noi in quanto anche io che lavoro sul web, produco principalmente – involontariamente? – questo genere di pubblicazioni, con rimando alla fonte.

Una infografica di Pandemic Labs di Boston, la quale prende in esame circa 300 pagine aziendali, 150.000 post su Fb e 700 milioni di likes, evidenzia che i brand preferiscono di gran lunga pubblicare sulla propria pagina link che rimandano al sito ufficiale piuttosto che video o immagini.

What brands post on fb

In breve: la classifica di gradimento dei contenuti da parte degli utenti vede in ordine

1. foto

2. video

3. status testuali

4. link.

La domanda di Davide Licordari è lecita e legittima:

Perchè le aziende preferiscono proporre ai propri fan dei banali link (per quanto possano essere interessanti) piuttosto che dar loro quello che si sa essere uno dei must di Facebook?

Indubbiamente i motivi che sottendono a questo tipo di preferenze di pubblicazioni potrebbero essere, come il Lico giustamente li elenca:

1) meglio avere traffico sul sito che interazioni sulla pagina Fb. Portando utenti sul sito il vantaggio può essere dato dalla pubblicità ospitata e dal fatto che sul website le informazioni sono necessariamente più complete che su Facebook.

2) speranza (vana) di alimentare una discussione: quante volte vediamo post del tipo “leggete qui e diteci la vostra”? Eppure credo sia un miracolo se l’utente, una volta cliccato sul link e quindi uscito da Facebook, torni a commentare sulla pagina ciò che ha appena letto

3) poca cura della pagina: piazzare un link è molto semplice, veloce e non richiede particolari dettagli.

Però secondo il mio parere, ci sono altre motivazioni. Forse molto più importanti e rilevanti che ci spingono ad adoperare questa scelta. quindi ecco le mie tre motivazioni:

1) In primis, linkare una fonte è la cosa più comune che ci viene da fare quando siamo su internet. Cosa è internet se non un enorme spazio ipertestuale?

2) Le immagini. Non tutte le immagini sono belle e interessanti. E non tutte possono sortire l’effetto desiderato di interessare e creare engagement. Una infografica, un meme ben piazzato possono suscitare attenzione, ma non sempre è la scelta che ripaga: a volte perdi tanto tempo a “lavorare” un’immagine e poi ti accorgi che l’articolo/post/tweet sarebbe potuto esistere anche senza di essa. La foto dunque diventa una forzatura. Nonché una perdita di tempo che avremmo potuto dedicare ad altro.

3) “Piazzare dei link” piuttosto che video o immagini, non può e non deve essere sinonimo di noncuranza. Molte informazioni che reperiamo sui nostri feed RSS ci colpiscono e interessano per il contenuto, inteso come testo.

Per cui la risposta che mi sento di dare io è: punto al contenuto. Se il contenuto del discorso sono le immagini, provo a parlare attraverso di esse. Altrimenti, mi limito a scriverne il testo. Perché basta quello.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...