Google Plus… è decollato?

Vi ricordate quante critiche sono partite contro Google Plus?

Tempo fa il Wall Street Journal lo definì una città virtuale fantasma, vista la discordanza tra il numero di iscritti ed il tempo trascorso sul social network.
Per non parlare dello scarso appeal grafico delle pagine, assenza di tool di analisi, mancanza di parecchi strumenti giá utilizzati da Facebook (pensa alla possibilità di creare e distribuire applicazioni).

Tuttavia a un anno dal lancio, Google+ è riuscito ad avvicinarsi ai principali Social Network degli ultimi anni. Nello specifico, Google+ ha superato Twitter per numero di utenti attivi (150 milioni contro i 140 milioni di Twitter) e si avvicina con maggior incisività a Facebook.

Pare che la motivazione sia di carattere tecnico: Google Plus mette a disposizione ottime applicazioni per smartphone e tablet, rendendo il servizio comodamente utilizzabile da dispositivi mobili, contrariamente a Facebook e Twitter che non controllano alcun sistema operativo, ma sono costrette a stringere partnership con Apple, Google e Microsoft per spingere le proprie soluzioni su mobile. – webnews

Tuttavia a mio avviso, le motivazioni interessanti sono ben altre.

Aprire un account sul social network di Google rappresenta una mossa strategica per le aziende in cerca di pubblicità su internet. Facebook  va bene per essere in contatto con gli amici, o può essere utilizzato per crearsi una vetrina aziendale, Twitter per seguire le opinioni e gli aggiornamenti di personaggi che ci interessano, Google plus ti permette di fare Marketing.

A livello aziendale, infatti, suddividere i contatti in cerchie, significa poter segmetare la propria clientela, reale o potenziale, in modo da inviare messaggi mirati e ricevere maggiori risposte positive; è inoltre possibile vedere che genere di conversazioni ed interazioni si creano all’inteno dei circoli in modo da orientare gli sforzi del marketing.

Google Plus nasce per dare la possibilità di mostrare il meglio di sé su internet. Tutto ciò che realizzi – contenuti, materiale pubblicitario, articoli su blog – è visibile sotto il tuo nome , cosicchè un potenziale cliente che cercherà qualcosa su google che abbia a che fare con il tuo ambito aziendale, troverà anche i tuoi contenuti. E questa si che è pubblicità.

Gli hangout, videochat con un massimo di 10 partecipanti, sono un’altro strumento utile a livello aziendale: condividere lo schermo, scambiarsi ed aggiornare in tempo reale documenti, vedere insieme un video o, semplicemente, parlare a distanza.

Come queste, ci sono altre funzionalità interessanti che ho letto qui.

Mi preme mettere in evidenza l’interazione di tali funzionalità, a cui puoi giungere anche con altri strumenti, ma non con lo stesso. Funzionalità che forse non risultano interessanti a tutti, specialmente per chi utilizza i social network per svago e/o intrattenimento. Sembra doveroso allora concludere che se consideriamo un diverso target, una community di professionisti, Google Plus ci piace!

E voi che ne pensate?

2 thoughts on “Google Plus… è decollato?

  1. Ogni Social Network ha la sua peculiarità… basta capire la funzionalità ed imparare ad utilizzarli di conseguenza! Non trovi?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...